Articoli    Iniziative   Gadgets    Fonti    Media          Chi siamo    Contatti     Calendario    Login

I giovani chiedono una liturgia più bella e partecipata

del 10 ottobre 2018

I lavori del Sinodo stanno confermando il clima gioioso in cui si svolgono e il fatto che i giovani amano la Chiesa. Una Chiesa "plurale, inclusiva e capace di camminare insieme con loro"...

 

Emergono dal Sinodo due richieste alla Chiesa di tutto il mondo. Da una parte quella di offrire al clero, ai religiosi e alle religiose, ma anche ai formatori in genere, "una nuova educazione sul corpo, sull'affettività e sulla sessualità". Dall'altro lato, e sono gli stessi giovani presenti nell'Assise sinodale ad averla formulata durante i lavori, quella di una liturgia migliore. "Dateci una liturgia più bella e partecipata - ha riferito così il cardinale Oswald Gracias, arcivescovo di Bombay, la domanda dei ragazzi, aggiungendo che "è stata una vera sorpresa" per lui -, affinché attraverso la liturgia possiamo fare esperienza di Dio".

Le due richieste sono emerse nel corso della conferenza stampa sull'andamento dei lavori, in una giornata in cui sono state distribuite anche le relazioni dei 14 circoli minori (quattro di lingua inglese, tre di lingua francese, uno tedesco, due spagnoli, tre italiani e uno portoghese).

Secondo il cardinale Désiré Tsarahazana, presidente della Conferenza episcopale del Madagascar, dal Sinodo viene innanzitutto "un appello alla conversione personale". "In sostanza l'appello a tutti i battezzati affinché abbiano una vita più coerente con la fede".
Questa è anche la chiave per affrontare in maniera decisiva la questione degli abusi e in generale della sessualità, un tema che è stato affrontato largamente nel corso dei lavori. Il cardinale africano ha poi annunciato, rispondendo a una domanda, che il Papa si recherà in Madagascar nel 2019, possibilità che il portavoce vaticano Greg Burke, presente alla conferenza stampa non ha confermato, anche se, ha detto, "viene studiata con cura".

Allo stesso modo Burke non ha confermato un eventuale viaggio in Nord Corea, su invito del presidente nord coreano. "Aspettiamo che l'invito arrivi, poi si vedrà", ha detto.

Per il resto i lavori del Sinodo stanno confermando il clima gioioso in cui si svolgono e il fatto che i giovani amano la Chiesa (lo ha detto il cardinale canadese Gérald Cyprien Lacroix). Una Chiesa "plurale, inclusiva e capace di camminare insieme con loro", ha aggiunto l'uditrice suor Nathalie Becquart.

Tutte indicazioni che si ritrovano anche nelle relazioni dei circoli minori, insieme all'invito ad accompagnare le nuove generazioni sull'esempio di Gesù nei confronti dei discepoli di Emmaus (Circolo italiano A). Nella relazione del circolo italiano C questo invito diventa anche appello "a usare il web senza farsi usare", o
"rifiuto della cultura dell'omologazione, definita spesso cultura del faraone".

Temi come quello della famiglia (tradizionale, allargata, convivenze, nuove forme di unione) si affacciano spesso nelle relazioni, insieme alla domanda su come porsi pastoralmente di fronte a queste realtà. Anche le migrazioni ricorrono spesso nei resoconti del dibattito, come fenomeno epocale da affrontare sotto diversi profili, non ultimo quello dell'integrazione delle seconde generazioni, spesso relegate alla marginalità della "cultura dello scarto".

 

Mimmo Muolo

https://www.avvenire.it

  • testo
  • articolo
  • mimmo muolo
  • sinodo 
  • fede
  • giovani
  • discernimento
  • vocazione
  • liturgia
  • conversione

 


Ispettoria Salesiana San Marco // Via dei Salesiani, 15 - 30174 Venezia Mestre – VE
C. F. 
80007770268 - P. I. 02360500264 // Codice Registro Regionale Organizzazioni di Volontariato "VE0230"
 Made with love by   /  Powered by 

PRIVACY